Ridere ti rende libero…e lo fa solo l’uomo

Ridere ti rende libero…e lo fa solo l’uomo

Vuoi veramente sapere come essere libero?

Una famosa canzone di Giorgio Gaber del 1973 recitava:

” La libertà è partecipazione “.

Le frasi delle canzoni spesso ci fanno riflettere, evocano in noi ragionamenti e sentimenti.

Quando avevo 12 anni e ascoltavo quella frase non la capivo fino in fondo:

“La libertà è partecipazione”... ma in che senso?

Facciamo questo breve viaggio insieme!

Partiamo!

“L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali” 

è il titolo di un’opera del 1872 di Charles Darwin

nella quale racconta che “la scimmia nuda”, cioè l’uomo,

è l’unico animale che sorride!

Darwin nei suoi scritti identifica il sorriso come

un rito individuale dall’importanza primordiale per l’intera umanità

poiché in questo modo si stabilisce una differenziazione tra l’amico e lo sconosciuto.

Così, si manifestano gli stessi legami affettivi tra gli esseri umani, come l’amicizia e l’amore.

Si parte dall’evidenza che l’uomo è un’animale fortemente sociale:

non è individualista come una tigre, perché non ha artigli e potenza sufficiente per arrangiarsi da solo,

non è una preda da branco, perché non fa gruppo solo per sentirsi al sicuro.

E’ piuttosto un “Predatore da branco” come i lupi!

Come i lupi stabilisce ruoli, crea relazioni, riconosce l’autorità,

ha sviluppato emozioni per raggiungere uno scopo condiviso.

Se ci pensate bene, chi è il migliore amico dell’uomo?

Esatto! Un pronipote del lupo: Il cane.

Quindi se ci siamo evoluti, o meglio se siamo “sopravvissuti” alle tigri dai denti a sciabola,

agli orsi e a tutte le continue minacce naturali

è perché siamo in continua relazione gli uni con gli altri.

Bene, dopo aver fatto una breve introduzione alla preistoria,

con uno scatto atletico da far impallidire Usain Bolt,

facciamo un salto di 6 milioni di anni e arriviamo ad oggi, sul sagrato della Basilica di S. Pietro.

E’ qui, che il 27 Marzo 2020 in occasione della benedizione Urbi et Orbi (alla città e al mondo),

un Papa lasciato solo per colpa di un nemico invisibile ha proclamato:

 “Nessuno si salva da solo”.

Ebbene si! Perché questa è la nostra natura.

Siamo animali sociali, che condividono, ascoltano e sono parte integrante di un unico grande progetto

e questa, è proprio la libertà di cui parlava Gaber “La libertà è partecipazione”.

Ora ti sorprenderò.

Qual è quel codice segreto, più forte della forza di gravità … che ci tiene uniti?

Un sorriso.

Una forza senza tempo, che favorisce le relazioni,

che abbassa l’aggressività, che seduce,

che ci permette di affrontare i guai insieme ed uscirne vincitori.

Un bel sorriso ti apre le porte agli altri

ed con gli altri che torneremo a sorridere.

Se anche tu vuoi un bel sorriso affidati a chi ne conosce l’importanza.

Chiama ora.